San Quirico d’Orcia offre prodotti enogastronomici di ottima qualità: l’olio, che si trova al centro dell’agricoltura toscana, la profumata spezia dello zafferano coltivata ed esportata fin dal Medioevo, e i vini rossi.

Un pilastro dell’agricoltura toscana è l’olio d’oliva. Prodotto a San Quirico d’Orcia, come in altre parti del Senese, l’olio extravergine DOP (a Denominazione di Origine Protetta) “Terre di Siena” deriva da olive di varietà moraiolo, frantoio e leccino, ha un odore fruttato e un gusto amaro e leggermente piccante. Da più di venti anni è re della tradizione sanquirichese, che lo celebra con una festa a lui dedicata che si tiene a dicembre, nel Ponte dell’Immacolata Concezione.

Lo zafferano è la profumatissima spezia che si ricava dagli stigmi di crochi soggetti a decenni di selezione e di incroci. Elogiato per le sue virtù curative da Plinio il Vecchio e Galeno, lo zafferano è stato coltivato in Val d’Orcia nel Medioevo, quando veniva esportato soprattutto in Germania.
Nel Cinquecento la produzione si è interrotta, per riprendere pochi anni fa. Oggi una buona parte dello zafferano italiano arriva nuovamente dalla Val d’Orcia.

Famosi in tutto il mondo i vini dell’area. La denominazione Orcia DOC nasce proprio a San Quirico d’Orcia, con lo scopo di tutelare e promuovere l’immagine del vino e del suo territorio. Protagonista indiscusso dei vini Orcia è il Sangiovese. Questo nobile vitigno è il fil rouge che lega la nostra enologia. La denominazione comprende le varietà Orcia, ottenuto da uve rosse con almeno il 60% di Sangiovese e Orcia «Sangiovese» con almeno il 90% di questo vitigno, entrambe anche nella tipologia «Riserva». L’Orcia comprende inoltre le tipologie Bianco, Rosato e Vin Santo. La zona di produzione dell’Orcia Doc si trova tra quella del Brunello di Montalcino e del Nobile di Montepulciano. I vini nascono in una quarantina di cantine con l’impegno e la passione dei produttori che nella stragrande maggioranza fanno tutto direttamente: dalla vigna alla vendita delle bottiglie. In un’epoca di globalizzazione, il vino Orcia è ancora un prodotto familiare e artigianale, fatto nel rispetto della natura e con ottime competenze di enologia e viticultura. Il vino Orcia è prodotto in uno dei comprensori agricoli più belli, in parte iscritto nel patrimonio dell’Umanità Unesco per questo viene definito il vino più bello del mondo!

Paesaggi del Gusto

Celebriamo i nostri prodotti ogni giorno dell’anno, ma in alcuni periodi ci prendiamo proprio…gusto!

E così diamo vita ai nostri Paesaggi del Gusto

Orcia Wine Festival

L’appuntamento di fine aprile è ormai imperdibile per il palato raffinato degli appassionati dei nostri vini.
Un’occasione per conoscere l’eccellenza della DOC Orcia, in una tre giorni ricca di eventi e di spettacoli. In collaborazione con Consorzio Orcia DOC e ONAV Siena.

Vai al sito web di Orcia Wine Festival

Festa dell’Olio

La popolare manifestazione del «ponte dell’Immacolata» accompagna la presentazione del nuovo Extravergine locale con una serie di appuntamenti musicali e di giochi di strada, in un’aria di festa che si assapora insieme alle bruschette e mette allegria.

Vai al sito web di Festa dell’Olio

Un Bagno di Birra

Un fine settimana a Bagno Vignoni a gustare birre toscane, di gran pregio, in una mostra-mercato che
presenta il frutto della passione e della ricerca di produttori locali. Gente che lavora con scrupolo artigianale e creatività. Birre che vale la pena conoscere.

Vai al sito web di Un Bagno di Birra

L’Oro Rosso della Via Francigena

L’antica tradizione dello zafferano nella gastronomia locale rivive in Palazzo Chigi e nei nostri ristoranti, grazie alla passione dei produttori della Val d’Orcia.

Le nostre manifestazioni